Ricette di ogni tipo

Il mondo della cucina e dell'alimentazione a portata di click!

Pizza fatta in casa – Come si fa la pizza rotonda

 

Eccovi un semplicissimo procedimento per preparare la pizza rotonda nel forno di casa!

Come fare un’ottima pizza

Il segreto per una buona riuscita è quello di preparare un’ottimo impasto, cominciamo con l’elencare i componenti.

Ingredienti e preparazione della pizza

Pizza fatta in casa – Come si fa la pizza rotonda

4 hours

30 minutes

4 hours, 30 minutes

Pizza fatta in casa – Come si fa la pizza rotonda

Ingredienti:

  1. - farina tipo 00
  2. - sale quanto basta
  3. - acqua quanto basta
  4. - olio d'oliva
  5. - lievito di birra (un tocchetto)
  6. - una teglia rotonda

Istruzioni:

  1. Ho preso una terrina o un contenitore che sia capiente e profondo, e come prima cosa ho aggiunto un po' di sale come base dell'impasto.
  2. In secondo luogo, sono andato ad aggiungere la farina tipo 00; in questo caso mi sono regolato su circa 200/250 g di farina per una singola pizza rotonda.
  3. Abbiamo aggiunto sale e farina: bene!Mettiamo un po' di lievito di birra, in genere pochissimi grammi dovrebbero bastare (forse ho esagerato un po' nell'esempio, ma comunque il risultato è stato buono secondo me).
  4. Adesso non ci resta che aggiungere un filo di olio d'oliva (possibilmente di ottima qualità: io ho usato Dauno Gargano DOP) all'impasto.
  5. Ed ovviamente, ora, per impastare aggiungere un po' d'acqua, un po' per volta, fino ad ottenere un composto che non sia troppo liquido e sia "colloso" al punto giusto. Non esagerate con l'acqua: se doveste aver esagerato, nessun problema! Basta aggiugere altra farina e, se necessario, un po' di sale in proporzione.
  6. L'impasto deve essere ottenuto lavorando il composto per almeno 10-12 minuti: per facilitarvi nel compito, suggerisco vivamente di mettere una spruzzata di farina sulle mani per evitare che vi si attacchi addosso.
  7. L’impasto dovrebbe diventare bello "grasso", quindi morbido ma non troppo appiccicoso.
  8. Lavorate ancora un po' il composto comprimendolo con delicatezza e facendo in modo che sia bello uniforme. Finito il tutto, dategli una forma "tipo pallina" e lasciatelo riposare almeno 2-3 ore.
  9. Trascorse almeno due ore, potete stendere l'impasto sulla teglia, che chiaramente dovrà essere di forma rotonda. Farcite come preferite la vostra pizza, che in questo caso ho realizzato con mozzarella di bufala, patate rosse (precotte un 20 minuti in una pentola per non doverle lasciare crude all'interno) e, se vi piace, un po' di cipolla tagliata a rondelle.
  10. La cottura avviene a circa 150-220 gradi per circa 25-30 minuti, io ho iniziato la pre-cottura a 100 gradi per poi far salire la temperatura e lasciarla a regime 200-220 °C (per un forno piccolo ovviamente) a cuocere finchè non appare abbrustolita sull'esterno.
https://ricettediognitipo.com/primi-piatti/pizza-fatta-in-casa/

 

Preparazione passo-passo (con foto)

Ho preso una terrina o un contenitore che sia capiente e profondo, e come prima cosa ho aggiunto un po’ di sale come base dell’impasto.

In secondo luogo, sono andato ad aggiungere la farina tipo 00; in questo caso mi sono regolato su circa 200/250 g di farina per una singola pizza rotonda.

Abbiamo aggiunto sale e farina: bene!Mettiamo un po’ di lievito di birra, in genere pochissimi grammi dovrebbero bastare (forse ho esagerato un po’ nell’esempio, ma comunque il risultato è stato buono secondo me).

Adesso non ci resta che aggiungere un filo di olio d’oliva (possibilmente di ottima qualità: io ho usato Dauno Gargano DOP) all’impasto.

Ed ovviamente, ora, per impastare aggiungere un po’ d’acqua, un po’ per volta, fino ad ottenere un composto che non sia troppo liquido e sia “colloso” al punto giusto. Non esagerate con l’acqua: se doveste aver esagerato, nessun problema! Basta aggiugere altra farina e, se necessario, un po’ di sale in proporzione.

L’impasto deve essere ottenuto lavorando il composto per almeno 10-12 minuti: per facilitarvi nel compito, suggerisco vivamente di mettere una spruzzata di farina sulle mani per evitare che vi si attacchi addosso.

L’impasto dovrebbe diventare bello “grasso“, quindi morbido ma non troppo appiccicoso.

Lavorate ancora un po’ il composto comprimendolo con delicatezza e facendo in modo che sia bello uniforme. Finito il tutto, dategli una forma “tipo pallina” e lasciatelo riposare almeno 2-3 ore.

Trascorse almeno due ore, potete stendere l’impasto sulla teglia, che chiaramente dovrà essere di forma rotonda. Farcite come preferite la vostra pizza, che in questo caso ho realizzato con mozzarella di bufala, patate rosse (precotte un 20 minuti in una pentola per non doverle lasciare crude all’interno) e, se vi piace, un po’ di cipolla tagliata a rondelle.

La cottura avviene a circa 150-220 gradi per circa 25-30 minuti, io ho iniziato la pre-cottura a 100 gradi per poi far salire la temperatura e lasciarla a regime 200-220 °C (per un forno piccolo ovviamente) a cuocere finchè non appare abbrustolita sull’esterno.

Il risultato non è male, per essere il secondo tentativo! 🙂

Ingredienti

  • 1300 gr di farina tipo 00
  • 500 gr di farina Manitoba (una a buon mercato è la Alimonti, si trova spesso nei supermercati Auchan, è una farina americana che serve a rafforzare tutte le altre farine)
  • 5 gr di lievito di birra in panetto (consiglio di non usare quelli secchi nelle bustine perchè non sono la stessa cosa)
  • 700 dl d’acqua possibilmente minerale
  • 300 dl di birra (una lattina)
  • 1/2 bicchiere di olio
  • 50 gr di sale.

Procedimento

Storia della pizza

La prima menzione scritta della pizza marinara risale al 1734, mentre quella della pizza Margherita agli anni 1796-1810. La datazione è incerta: sappiamo ad esempio (aneddoto molto noto) che nel giugno del 1889, per onorare la Regina d’Italia Margherita di Savoia, il cuoco Raffaele Esposito preparò la “Pizza Margherita”, una pizza condita con pomodori, mozzarella e basilico, per rappresentare il tricolone della bandiera italiana.

Ricette di ogni tipo

Torna in alto